9.jpg

Cast artistico: Azzurra Di Giuliano, Gabriele Fazi, Vincenzo Seminara (episodio Azzurra e Gabriele) - Christian Benigni, Valentina Mazzarella, Adamo Dionisi (episodio Christian e Valentina) - Elisa Di Giuliano, Giulia Mazzarella, Laura di Pascasio (episodio Elisa e Giulia)

Regia: Giovanni Piperno Sceneggiatura: Pier Paolo Piciarelli, Giovanni Piperno - Azzurra Di Giuliano, Gabriele Fazi (Azzurra e Gabriele), Valentina Mazzarella, Christian Benigni (Christian e Valentina), Elisa Di Giuliano, Giulia Mazzarella (Elisa e Giulia) Fotografia: Giovanni Piperno (Azzurra e Gabriele, Christian e Valentina), Sandro Chessa (Elisa e Giulia) Musica originale: Marco Vidino (Elisa e Giulia) Montaggio: Paolo Petrucci Suono in presa diretta: Michelangelo Marchese (Azzurra e Gabriele), Daniele De Angelis (Christian e Valentina), Emanuele Giunta (Elisa e Giulia) Montaggio del suono: Marco Furlani Aiuto regia: Andrea Zuliani, Flavia Montini Direttore di produzione: Leonardo Ferrantini (Elisa e Giulia) Coordinatrice di produzione: Veronica Miresse Produttore: Giovanni Pompili - Kino produzioni

SINOSSI DEGLI EPISODI

Azzurra e Gabriele A Gabriele piace Azzurra, ma è molto timido, per fortuna Azzurra è sveglia e ci pensa lei a organizzare il primo appuntamento; ma non ha fatto i conti con il lavoro di Gabriele.

Christian e Valentina Christian ha 21 anni e Valentina 17. Stanno insieme, ma lui è disoccupato e il padre di lei non lo vede di buon occhio. Quando Valentina scopre di essere incinta non rimane che sposarsi “prima che si veda la pancia”.

Elisa e Giulia Giulia, con l’aiuto della sua amica Elisa, vuole fare una torta al cardamomo per il compleanno di suo padre. Ma a Tor Sapienza il cardamomo va a ruba. Ce la farà? Una storia, quasi vera, di piccoli teppisti e grandi amicizie.

INTENZIONI

Viale Giorgio Morandi è un film in tre episodi nato dall’esperienza del Tor Sapienza Film Lab che è stata una scommessa di tre soggetti: Associazione Antropos Onlus, Fondazione Pianoterra Onlus e Kino produzioni. Tre enti di diversa natura, vocazione e professionalità che si sono uniti in un progetto d’inclusione sociale dando a dei ragazzi della periferia romana una penna e un foglio. Complici del progetto che ha avuto il sostegno della Regione Lazio e della SIAE, il regista Giovanni Piperno e lo sceneggiatore Pier Paolo Piciarelli. “Raccontateci una storia” gli abbiamo chiesto. “Poi gli abbiamo suggerito di immaginarla: dialoghi, luoghi, personaggi. Infine di interpretarla davanti ad una telecamera. Non è stato facile: alcuni si sono allontanati. Ma altri no, sono rimasti, si sono messi in gioco, si sono rivelati. Parlare di sé, creare, esprimersi, modellare la propria storia – o la storia che si vuole raccontare - è un percorso complicato per un’adolescente o poco più. Soprattutto per chi cresce in contesti difficili, dove c’è poco spazio per la progettualità e per l’immaginazione, dove si è allenati a pensare che nulla può cambiare. Cade lo stereotipo da ragazzi di periferia perché la periferia diventa il centro: come dice Renzo Piano ‘qui si trova l’energia’. Il frutto di questo laboratorio sono tre cortometraggi che in maniera fresca e ironica raccontano le vite e gli amori dei ragazzi di Tor Sapienza: Quasi eroi, Se avessi le parole e Obbligo o verità. Piperno e Piciarelli

PREMI E RICONOSCIMENTI ShorTS International Film Festival 2018 - Evento speciale